Psicologa Palermo - Giusi Trapani - Disturbi dell'umore
Psicologa palermo - Giusi Trapani - Disturbi dell'umore   Psicologa palermo - Giusi Trapani - Disturbi dell'umore

Disturbi dell'umore, Depressione

I disturbi dell’umore comprendono i disturbi che hanno come caratteristica predominante un’alterazione dell’umore, diretto riflesso della tonalità affettiva in un determinato momento.
I Disturbi dell’Umore sono suddivisi in Disturbi Depressivi (“depressione unipolare”), Disturbi Bipolari e due disturbi basati sull’eziologia - Disturbo dell’Umore Dovuto ad una Condizione Medica Generale e Disturbo dell’Umore Indotto da Sostanze.

I Disturbi Depressivi (Disturbo Depressivo Maggiore, Disturbo Distimico e Disturbo dell’Umore Non Altrimenti Specificato) si distinguono dai Disturbi Bipolari per l’assenza di Episodi Maniacali, Misti o Ipomaniacali in anamnesi.

I Disturbi Bipolari (Disturbo Bipolare I, Disturbo Bipolare II, Disturbo Ciclotimico e Disturbo Bipolare Non Altrimenti Specificato) implicano la presenza (o l’anamnesi) di Episodi Maniacali, Episodi Misti o Episodi Ipomaniacali, solitamente accompagnati dalla presenza (o anamnesi) di Episodi Depressivi Maggiori.

  • Il Disturbo Depressivo Maggiore è caratterizzato da uno o più Episodi Depressivi Maggiori (per almeno due settimane umore depresso o perdita di interesse, accompagnati da almeno altri quattro sintomi depressivi).
  • Il Disturbo Distimico è caratterizzato dalla presenza per almeno due anni di umore depresso quasi ogni giorno, accompagnato da altri sintomi depressivi che non soddisfano i criteri per un Episodio Depressivo Maggiore.
  • Il Disturbo Bipolare I è caratterizzato da uno o più Episodi Maniacali o Misti, solitamente accompagnati da Episodi Depressivi Maggiori.
  • Il Disturbo Bipolare II è caratterizzato da uno o più Episodi Depressivi Maggiori accompagnati da almeno un Episodio Ipomaniacale.
  • Il Disturbo Ciclotimico è caratterizzato dalla presenza, per almeno due anni, di numerosi periodi con sintomi maniacali che non soddisfano i criteri per l’Episodio Maniacale e di numerosi periodi con sintomi depressivi che non soddisfano i criteri per l’Episodio Depressivo Maggiore.

Il contenuto tematico delle cognizioni dei pazienti depressi risulta caratterizzato nel modo sotto indicato.

  1. BASSA CONSIDERAZIONE DI SÉ: la persona opera un confronto sfavorevole rispetto alle altre persone del proprio gruppo di riferimento o ai propri standard e/o un'autodegradazione non realistica nelle sfere che sono importanti per il paziente.
  2. IDEE DI PRIVAZIONE: il paziente verbalizza di sentirsi solo, indesiderato ecc., anche a dispetto di manifestazioni inequivocabili di amicizia e affetto. Ritiene di trovarsi in una situazione economica precaria anche a dispetto di un solido conto in banca ecc.
  3. AUTOCRITICHE E AUTO-RIMPROVERO: il paziente rivolge a se stesso rimproveri per difetti che percepisce in sé o proprie manchevolezze, a volte prive di fondamento logico, in aree in cui nutre aspettative nei propri confronti.
  4. PROBLEMI E DOVERI OPPRIMENTI: l'individuo ingigantisce considerevolmente problemi e responsabilità che, in altri periodi, considerava secondari o insignificanti.
  5. AUTOCOMANDI E ORDINI: il paziente si ripete spesso "dovrei" o "devo", si impone di fare una serie di attività, si pungola a portarle avanti anche in condizioni inattuabili.
  6. DESIDERI DI FUGA: la persona considera insolubili i propri problemi e gravose le proprie responsabilità, pertanto la fuga rappresenta una soluzione obbligata.

La pluralità delle caratteristiche cognitive che si sono riscontrate nella depressione può essere ricondotta sinteticamente a tre pattern cognitivi idiosincratici (TRIADE COGNITIVA DEPRESSIVA):

  1. INTERPRETAZIONE NEGATIVA DELL'ESPERIENZA: tendenza dell'individuo depresso a interpretare in maniera selettiva, impropria e autodenigratoria fatti ed esperienze attuali: la persona depressa finisce col pensare che gli altri gli facciano delle richieste esorbitanti per le proprie forze, con il risultato di vedere la propria giornata costellata di ostacoli e le interazioni quotidiane con l’ambiente come una serie di insuccessi;
  2. VALUTAZIONE NEGATIVA DI SÉ: l’individuo depresso tende a sottovalutare le proprie capacità e le proprie risorse, a considerarsi inutile o sgradevole o indegno, a ritenersi privo di qualcuno degli attributi che reputa essenziali per una vita normale e serena, con il risultato di criticarsi, rimproverarsi, punirsi;
  3. ASPETTATIVE NEGATIVE DEL FUTURO: l'individuo depresso tende a formulare previsioni negative a breve come a lungo termine, ad aspettarsi un future cosparso di ostacoli e di sofferenze, con il risultato di vedere la morte come una liberazione o come una soluzione.

La stessa dimensione del futuro viene compromessa: come progettualità, libertà; il futuro non esiste, esiste solo come protrarsi delle sofferenze d'oggi.

Tratto dal DSM IV TR


 

Benvenuti nel sito della Dott.ssa Giusi Trapani, Psicologa Psicoterapeuta, Specialista in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale - iscritta all'Ordine Psicologi Regione Sicilia n. 3390 - riceve a Palermo in via Monte San Calogero n° 5 - Tel. 091 2736881 - Cell. 345 3781020- Autorizzazione Ordine PsySicilia 2005

 
Altri argomenti trattati nel sito:

Abuso
Abuso minori
Abuso psicologico
Abuso sessuale
Affidamento minori
Agorafobia
Alimentazione incontrollata

Allucinazioni
Amenorrea
Anoressia
Ansia
Ansia di separazione
Attacchi di Panico
Assenza desiderio sessuale
Balbuzie
Basso desiderio sessuale
Bassa eccitazione
Biblioterapia
Bulimia
Bullismo

Bulimia
Carta di Noto
Claustrofobia
Cleptomania
Coming out
Compulsioni
Crisi di panico
Delirio

Depressione
Depressione post-partum
Dieta
Dimagrire e perdere peso
Dipendenza
Disagio
Dismorfofobia
Disfunzione erettile
Danno psicologico
Danno psichico
Danno esistenziale
Danno da lutto
Danno estetico
Disturbi d'Ansia
Disturbo Bipolare
Disturbo Borderline di personalità
Disturbo della condotta
Disturbo post traumatico da stress
Esaurimento nervoso
Fobia
Fobia sociale
Frigidità
Gioco d'azzardo patologico
Gravidanza
Gruppi
Insonnia
Lutto
Malattia psicosomatica
Mania e ipomania
Mobbing
Obesità infantile
Omofobia
Omosessuale
Ossessioni
Panico
Parlare in pubblico
Paura delle malattie
Paura della morte
Paura di volare
Penetrazione
Perfezionismo patologico
Perizia psicologica
Postpartum

Psicoterapia Cognitivo
Comportamentale

Problema eccitazione
Psicologo
Psicoterapeuta
Raggiungere l'orgasmo femminile
Rilassamento
Schizofrenia
Separazione e divorzio
Sessuologia
Sette religiose
Somatizzazione
Sostegno psicologico individuale
Sostegno psicologico di coppia
Stress
Tachicardia
Timidezza patologica
Tossicodipendenza
Trauma psicologico


 
Powered by: Lab360 - realizzazione siti web palermo
Psicologia Palermo - Disturbi dell'umore - ansia