Psicologa Palermo - Giusi Trapani - Schizofrenia
Psicologa palermo - Giusi Trapani - Schizofrenia   Psicologa palermo - Giusi Trapani - Schizofrenia
Abuso sessuale

√ą possibile definire l'abuso sessuale in modi molto diversi. Una definizione generale soddisfacente pu√≤ essere quella che fornisce Montecchi (1994): ¬ęil coinvolgimento di soggetti immaturi e dipendenti in attivit√† sessuali, soggetti a cui manca la consapevolezza delle proprie azioni nonch√® la possibilit√† di scegliere. Rientrano nell'abuso anche le attivit√† sessuali realizzate in violazione dei tab√Ļ sociali sui ruoli familiari pur con l'accettazione del minore¬Ľ.
Da questa definizione si deduce che l'abuso sessuale non è certamente un'attività che comporti necessariamente l'atto della penetrazione. L'aspetto fondamentale, invece, è quello rappresentato dalla condizione della vittima, impossibilitata a scegliere o a comprendere correttamente quello che sta accadendo o che viene proposto. Nel caso di un abuso sessuale, quindi, si è in presenza di un abuso sessuale quando la persona coinvolta nella relazione sessualizzata non è in grado di cogliere il profondo significato di quanto viene effettuato su di lei, oppure le conseguenze reali e durature a cui può portare. Si parla di abuso sessuale anche nei casi in cui la persona non viene mai fisicamente toccata, ma viene esposta alla visione o all'ascolto di vicende a contenuto sessuale non adeguate all'età o alla relazione con l'abusante.
Nei casi pi√Ļ evidenti e cruenti la persona che subisce un abuso sessuale √® posta nell'impossibilit√† di agire liberamente mentre viene posta all'interno di una relazione sessualizzata, per esempio attraverso minacce o l'impiego della forza fisica.
A causa dell'origine della molestia, l'abuso sessuale intrafamiliare produce, in linea di massima, effetti pi√Ļ gravi di quelli prodotti da abusi avvenuti all'esterno del nucleo familiare. La maggior parte degli abusi sessuali intrafamiliari viene effettuata dai padri, in secondo luogo dai conviventi nel nucleo familiare (nonni, zii, patrigni, ecc,) e, in percentuale molto minore, dalle madri (circa il 7% dei casi).
La ricerca clinica indica che un abuso sessuale intrafamiliare pu√≤ produrre i danni pi√Ļ gravi soprattutto quando sono presenti le seguenti caratteristiche
* un legame intenso con la persona che effettua l'abuso;
* una lunga durata dell'abuso;
* l'abuso resta nascosto o non viene riconosciuto dall'ambiente familiare;
* la persona abusata non è in grado di parlare dell'accaduto
* la persona abusata è ancora un bambino.

L'abuso sessuale, specialmente se intrafamiliare, può certamente dare origine a molti problemi psicologici, anche di lunga durata e di difficile risoluzione spontanea nel corso della vita.
Quali problemi può comportare un abuso sessuale
L'abuso sessuale può produrre molti tipi di problemi psicologici e per questo motivo si dice che si tratta di un "fattore di rischio non specifico" nei confronti di differenti disturbi psicologici. Sul perchè una persona reagisca in un modo oppure in un altro è una questione molto vasta e complessa, sulla quale c'è ancora molto da comprendere. In ogni caso, sembra accertato che la risposta soggettiva agli eventi sia condizionata da alcuni importanti fattori come: l'età al momento dell'abuso, la durata, la presenza o meno di penetrazione, l'uso esplicito di violenza, caratteristiche di personalità della persona, la presenza al momento dell'abuso di determinati problematiche psicologiche, la possibilità di condividere l'accaduto con qualcuno, il sostegno emotivo ricevuto in seguito, ulteriori esperienze che possono peggiorare la situazione o, al contrario, aiutare a superare gradualmente l'accaduto. L'abuso sessuale deve essere considerato innanzitutto come una esperienza traumatica. Di conseguenza può generare sintomi come un vero e proprio Disturbo Post-Traumatico da Stress. In questo modo, le esperienze subite, sotto forma di immagini, emozioni, sensazioni fisiche, parole, suoni, odori, sapori, incubi notturni, possono ritornare frequentemente alla mente della persona abusata, insieme ad emozioni fortemente disturbanti come depressione, ansia, angoscia, irritabilità, panico o rabbia. Nei bambini i ricordi tendono a ripresentarsi sotto forma di incubi popolati da mostri e nel ripetere - attraverso il gioco o il disegno - qualche elemento saliente dei fatti accaduti.
Tipicamente la persona che ha subito un abuso sessuale cerca di mantenere a distanza i ricordi traumatici. In alcuni casi, addirittura, √® possibile che, almeno in determinati periodi della vita, la persona abusata abbia amnesie pi√Ļ o meno parziali per gli eventi accaduti o ricordi estremamente confusi. In una quantit√† rilevante di casi i ricordi dell'abuso progressivamente perdono in parte l'aspetto drammatico che li contraddistingue, divenendo pi√Ļ facilmente gestibili da parte dell'individuo. Se questo √® certamente un vantaggio, d'altra parte pu√≤ anche comportare un pericolo potenziale, in quanto la persona si pu√≤ abituare a convivere con i problemi generati dall'abuso, a non condividerli con nessuno e, in generale, a non affrontarli adeguatamente. In alcuni casi, questo stato di cose pu√≤ prendere la configurazione di Disturbo Post-Traumatico da Stress in remissione parziale.

Altri problemi associati all'abuso sessuale
L'abuso sessuale, a differenza di altri eventi traumatici, presenta caratteristiche peculiari; innanzitutto, è un evento che va a coinvolgere l'area della sessualità delle persone interessate, in secondo luogo, quando commesso in ambito intrafamiliare, si tratta di un trauma che sovverte i divieti sociali ed il compito di accudimento e/o di neutralità sessuale che un familiare dovrebbe avere nei confronti della persona abusata.

Alcuni dei problemi pi√Ļ tipici associati all'abuso sessuale sono i seguenti:
* Connessi al tradimento. Quando l'abuso sessuale viene commesso all'interno dell'ambiente familiare e, in special modo, quando l'abuso viene commesso da un genitore o da chi avrebbe dovuto svolgere questa funzione, la persona abusata tipicamente vive come una profonda ferita il fatto di non essere stata amata nel modo corretto da una persone di cui aveva bisogno. Frequentemente può pensare che, se si sono subite cose così gravi dai propri familiari, certamente delle persone non ci si può fidare. Questo può portare ad una profonda sfiducia nei confronti della gente e/o ad attuare un comportamento aggressivo e manipolatorio, soprattutto nei confronti delle persone dello stesso sesso dell'abusante.
* Connessi all'autostima: una persona cresce bene in un ambiente familiare sano quando sente di avere un valore ed un grado di amabilità intrinseci per il fatto di essere stati sufficientemente amati ed apprezzati. Nel caso di una vittima di abuso sessuale si assiste tipicamente alla presenza di una bassa autostima, alla sensazione di non essere veramente degni amore. Questa situazione può essere presente insieme alla consapevolezza razionale di avere tutti i diritti e le capacità per sentirsi come tutte le altre persone, ma è come se una parte della persona non ci credesse mai veramente.
* Connessi alla sessualit√†: l'abuso e la molestia producono frequentemente problemi sessuali. Oltre ai problemi sessuali pi√Ļ tipici (difficolt√† o impossibilit√† a raggiungere l'orgasmo -anorgasmia, dolore durante i rapporti -vaginismo, difficolt√† a lasciarsi andare, assenza di sensazioni piacevoli o presenza di sensazioni piacevoli assieme a quelle spiacevoli, sensi di colpa e di inadeguatezza eccessivi, sensazione di essere indegni o "sporchi", assenza di desiderio, disturbi dell'eccitazione), soprattutto l'iniziazione all'interno della famiglia alla sessualit√† pu√≤ ingenerare l'evitamento della vita sessuale in generale oppure la scelta di una omosessualit√† di ripiego. Questi problemi, comunque, possono riguardare qualunque persona vittima di abusi sessuali, ingenerando notevole confusione circa i propri desideri e la propria identit√† sessuale. Paradossalmente, l'abuso sessuale pu√≤ anche portare ad una promiscuit√† sessuale e per questo sono state fornite moltissime teorie diverse dagli specialisti. Alcune delle pi√Ļ importanti sostengono che a volte si pu√≤ interpretare la promiscuit√† sessuale delle persone abusate o la loro tendenza ad essere abusate nuovamente come la difficolt√† a tenere distinti l'affetto dal sesso, mentre altre volte con la presenza di un'opinione estremamente bassa di s√® stessi e quindi ad un uso promiscuo e non ponderato del proprio corpo.
* Problemi di ansia e depressione sono molto frequenti e possono insorgere fin dall'infanzia, diventando parte dell'individuo, tanto da ritenere di non potere essere fatto diversamente.
* Connessi pi√Ļ strettamente al corpo: fra le vittime di abusi sessuali sono relativamente frequenti problemi psicosomatici, disturbi del comportamento alimentare, abuso di alcool, farmaci e di sostanze stupefacenti.
* Problemi interpersonali: la sfiducia, le difficoltà sessuali, insieme a difficoltà nella gestione della rabbia e delle distanza fra le persone comportano frequentemente problemi nella gestione delle relazioni interpersonali.

Abuso sessuale su minori
L'abuso sessuale su minori è comunemente definito, nella cultura occidentale contemporanea, come qualsiasi attività a livello sessuale che un adulto esercita su o con una persona al di sotto dell'età del consenso, ed è considerato un crimine punito penalmente nella maggior parte dei paesi. L'abuso sessuale su minori include, inoltre, lo sfruttamento sessuale commerciale dei bambini, definito dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro nel testo del Worst Forms of Child Labour Convention del 1999.
Si stima che circa un milione di bambini ogni anno viene introdotto nel commercio sessuale e l'India (400mila), gli Usa (244/325mila) e la Thailandia (200mila) sono rispettivamente ai primi posti nello sfruttamento sessuale dei minori. Questo fenomeno √® in crescita in tutto il mondo ed √® alimentato dalla crescente povert√† dei paesi poveri e dalla domanda di danarosi clienti; un aspetto ancor pi√Ļ inquietante √® non solo l'aumento della presenza di bambini e bambine molto piccoli fra le vittime di abuso, ma anche l'abbassamento dell'et√† dei "clienti". Nella Repubblica Dominicana si calcola che 25mila bambini siano lavoratori del sesso, mentre nell'Africa occidentale sono circa 35.mila. Si ritiene che in Lituania un numero oscillante fra il 20 e il 50% delle prostitute sia costituito da minorenni, che bambine appena undicenni lavorino come prostitute nei bordelli e che bambini provenienti da istituti, alcuni persino fra i 10 e i 12 anni, vengono utilizzati per girare film pornografici.

Falsi abusi
Si parla di falso abuso quando viene denunciato un falso caso di molestia o di abuso. Generalmente si tratta di denunce strumentali, fatte per vendetta o per ottenere una posizione di vantaggio in cause legali, specialmente di separazione o divorzio. Sono sempre di pi√Ļ le Procure che denunciano un aumento significativo di questi casi anche se nessun istituto statistico ha ancora raccolto un quadro complessivo della situazione su scala nazionale.

 

Benvenuti nel sito della Dott.ssa Giusi Trapani, Psicologa Psicoterapeuta, Specialista in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale - iscritta all'Ordine Psicologi Regione Sicilia n. 3390 - riceve a Palermo in via Monte San Calogero n° 5 - Tel. 091 2736881 - Cell. 345 3781020- Autorizzazione Ordine PsySicilia 2005

 
Altri argomenti trattati nel sito:

Abuso
Abuso minori
Abuso psicologico
Abuso sessuale
Affidamento minori
Agorafobia
Alimentazione incontrollata

Allucinazioni
Amenorrea
Anoressia
Ansia
Ansia di separazione
Attacchi di Panico
Assenza desiderio sessuale
Balbuzie
Basso desiderio sessuale
Bassa eccitazione
Biblioterapia
Bulimia
Bullismo

Bulimia
Carta di Noto
Claustrofobia
Cleptomania
Coming out
Compulsioni
Crisi di panico
Delirio

Depressione
Depressione post-partum
Dieta
Dimagrire e perdere peso
Dipendenza
Disagio
Dismorfofobia
Disfunzione erettile
Danno psicologico
Danno psichico
Danno esistenziale
Danno da lutto
Danno estetico
Disturbi d'Ansia
Disturbo Bipolare
Disturbo Borderline di personalità
Disturbo della condotta
Disturbo post traumatico da stress
Esaurimento nervoso
Fobia
Fobia sociale
Frigidità
Gioco d'azzardo patologico
Gravidanza
Gruppi
Insonnia
Lutto
Malattia psicosomatica
Mania e ipomania
Mobbing
Obesità infantile
Omofobia
Omosessuale
Ossessioni
Panico
Parlare in pubblico
Paura delle malattie
Paura della morte
Paura di volare
Penetrazione
Perfezionismo patologico
Perizia psicologica
Postpartum

Psicoterapia Cognitivo
Comportamentale

Problema eccitazione
Psicologo
Psicoterapeuta
Raggiungere l'orgasmo femminile
Rilassamento
Schizofrenia
Separazione e divorzio
Sessuologia
Sette religiose
Somatizzazione
Sostegno psicologico individuale
Sostegno psicologico di coppia
Stress
Tachicardia
Timidezza patologica
Tossicodipendenza
Trauma psicologico

ÔĽŅ
 
Powered by: Lab360 - realizzazione siti web palermo
Psicologia Palermo - Schizofrenia - ansia