Psicologa Palermo - Giusi Trapani - Disturbo Somatoforme
Psicologa palermo - Giusi Trapani - Disturbo Somatoforme   Psicologa palermo - Giusi Trapani - Disturbo Somatoforme
Obesità infantile
Fra tutti gli elementi che costituiscono l'esperienza quotidiana, il cibo è l'unico effettivamente ineliminabile, non solo poiché costituisce garanzia di sopravvivenza biologica, ma anche perché rappresenta un organizzatore mentale e sociale, un’importante fonte di piacere e un potente ansiolitico. Secondo quanto asserito, va da sé che il cibo può divenire uno strumento di compensazione di stati di disagio psicologico o di insoddisfazione.
Nella maggioranza dei casi, dietro l’obesità, condizione medica cronica e ad eziologia multifattoriale caratterizzata da eccessivo peso corporeo per accumulo di tessuto adiposo, in misura tale da influire negativamente sullo stato di salute (OMS), ritroviamo un disturbo del comportamento alimentare definito "Disturbo da Alimentazione Incontrollata" (Binge Eating Disorder) che, insieme all’anoressia nervosa e alla bulimia nervosa, colpisce, oggi, una fascia enorme della popolazione.
Obesità infantile

Le caratteristiche cliniche del disturbo da Alimentazione Incontrollata sono molto simili a quelle della bulimia: non è presente la dieta ferrea, ma sono presenti le abbuffate, anche se risulta difficile individuare la conclusione perché non c'è un comportamento, come il vomito autoindotto, che ponga termine all'episodio bulimico.
Le persone affette sono molto preoccupate per il loro comportamento, se ne vergognano e lo giudicano un grave problema, sia per la sensazione di perdita di controllo, sia per le conseguenze che le abbuffate hanno sul peso corporeo e sulla salute.
L’altra fetta della popolazione degli obesi, soffre di problematiche organiche di tipo metabolico o endocrinologico. Altri ancora, mangiano per gola, abitudine, senza sentirsi in colpa (disturbo alimentare non altrimenti specificato).
Per comprendere perché tali patologie colpiscano, oggi, i giovanissimi occorre prendere in considerazione il ruolo importantissimo giocato da mamme, papà, nonne nell’educazione alimentare del bambino, sin dai suoi primissimi mesi di vita. Non si comprende il valore patognomico di un sovrappeso, rispetto agli standard, anche in tenerissima età, ossia entro il primo anno di vita. Anzi, un bimbo grassottello viene visto come un bimbo sano e bello, avente un valore aggiunto rispetto ai coetanei normopeso.
Da un lato, le mamme sono influenzate, chi più chi meno dalla pressione verso la magrezza, dall’altro si rilassano e, talvolta, in modo ossessivo, cercano di rimpinzare il proprio piccolo per farlo crescere.
Inoltre, non bisogna trascurare l’importante condizionamento inevitabile che ha luogo, sin dalla nascita, tra il momento del nutrimento e quello affettivo delle coccole e del senso di protezione, nutrimento anch’esso del sé.
Man mano, poi, che il bimbo cresce diminuiscono le manifestazioni affettive, o comunque si trasformano, coinvolgendo meno le sensazioni propriocettive, venendo a mancare la comunicazione affettiva, vissuta a livello corporeo, (oppure la corretta soddisfazione di bisogni di protezione, stabilità, affetto, attenzione, calore, compagnia ascolto, comprensione, intimità, cura e accettazione) per cui diviene possibile, specie in talune situazioni ad alto rischio, il compenso attraverso il cibo, anche in termini di rivalsa.
Alcuni fattori socioculturali sono responsabili dell'insorgenza e del mantenimento dei DCA in soggetti vulnerabili e predisposti: tra questi vanno considerati la cultura consumistica e la sovrastimolazione massmediatica rivolta a tutte le età e a tutte le ore del giorno (cosa che comporta una progressiva alterazione dei segnali di fame e sazietà); la cultura della magrezza, che, allorquando i modelli perfetti e patinati proposti dai media divengono irraggiungibili, rischia di trasformarsi in una "cultura della non magrezza"; la sedentarietà, per cui non si fa più movimento come prima: più i bambini e i ragazzi fanno parte di un ceto medio-alto, più sono sottoposti alla sovrastimolazione mediatica e all’effetto consumistico di questa, per cui scelgono giochi e passatempi che riducono
notevolmente l’attività fisica.
Il livello d’istruzione dei genitori influisce sul fenomeno obesità e su quello dei disturbi dell’alimentazione poiché si correla all’assenza di una "cultura dell’alimentazione", per cui si finisce con l’insegnare ai propri figli a mangiare male, sia in termini di qualità, che di quantità, che di orari, e di una "cultura del benessere", in senso lato, includendo in essa la frustrazione del bisogno di movimento.
Difatti, la diffusione della pratica della attività fisica è oggi un problema di cultura. Diversi studi dimostrano come la pratica dello sport diminuisca tra i 16 e i 20 anni, sia per le ragazze sia per i ragazzi. Le ragioni di ciò si riscontrano in molteplici fattori sociali: la generalizzazione dell’utilizzo dei veicoli a motore da parte dei giovani a partire dai 14 o 16 anni, l’attrazione per altre attività di svago, etc.
Secondo i dati raccolti dall’ISTAT, nell'età adolescenziale il fenomeno dell’obesità è presente con una percentuale maggiore nei maschi: a mio avviso, la problematica alimentare coinvolge, oggi, in modo indifferenziato tutti gli adolescenti, a prescindere dal sesso: il dato riportato deve essere spiegato tenendo conto del fatto che le ragazze adolescenti sono più esposte al rischio di altre patologie del comportamento alimentare, quali l’anoressia e la bulimia, essendo maggiormente influenzate dalla cultura competitiva della magrezza.

 


 

Benvenuti nel sito della Dott.ssa Giusi Trapani, Psicologa Psicoterapeuta, Specialista in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale - iscritta all'Ordine Psicologi Regione Sicilia n. 3390 - riceve a Palermo in via Monte San Calogero n° 5 - Tel. 091 2736881 - Cell. 345 3781020- Autorizzazione Ordine PsySicilia 2005

 
Altri argomenti trattati nel sito:

Abuso
Abuso minori
Abuso psicologico
Abuso sessuale
Affidamento minori
Agorafobia
Alimentazione incontrollata

Allucinazioni
Amenorrea
Anoressia
Ansia
Ansia di separazione
Attacchi di Panico
Assenza desiderio sessuale
Balbuzie
Basso desiderio sessuale
Bassa eccitazione
Biblioterapia
Bulimia
Bullismo

Bulimia
Carta di Noto
Claustrofobia
Cleptomania
Coming out
Compulsioni
Crisi di panico
Delirio

Depressione
Depressione post-partum
Dieta
Dimagrire e perdere peso
Dipendenza
Disagio
Dismorfofobia
Disfunzione erettile
Danno psicologico
Danno psichico
Danno esistenziale
Danno da lutto
Danno estetico
Disturbi d'Ansia
Disturbo Bipolare
Disturbo Borderline di personalità
Disturbo della condotta
Disturbo post traumatico da stress
Esaurimento nervoso
Fobia
Fobia sociale
Frigidità
Gioco d'azzardo patologico
Gravidanza
Gruppi
Insonnia
Lutto
Malattia psicosomatica
Mania e ipomania
Mobbing
Obesità infantile
Omofobia
Omosessuale
Ossessioni
Panico
Parlare in pubblico
Paura delle malattie
Paura della morte
Paura di volare
Penetrazione
Perfezionismo patologico
Perizia psicologica
Postpartum

Psicoterapia Cognitivo
Comportamentale

Problema eccitazione
Psicologo
Psicoterapeuta
Raggiungere l'orgasmo femminile
Rilassamento
Schizofrenia
Separazione e divorzio
Sessuologia
Sette religiose
Somatizzazione
Sostegno psicologico individuale
Sostegno psicologico di coppia
Stress
Tachicardia
Timidezza patologica
Tossicodipendenza
Trauma psicologico


 
Powered by: Lab360 - realizzazione siti web palermo
Psicologia Palermo - Disturbo Somatoforme - ansia